agosto 19, 2017

Cisky, il rapper che si è salvato grazie alla musica

Salvatore Francesco Capizzi, in arte Cisky, è un rapper milanese. L’abbiamo incontrato per farci raccontare un po’ della sua vita e del suo ultimo progetto che inizia con un singolo, Il tempo mi guarda.
L’amore di Cisky per la musica è nato durante la sua adolescenza, periodo in cui si è avvicinato al mondo del rap e della break dance. Ho iniziato a fare musica con il mio amico Thomas, un ragazzo eritreo da cui ero inseparabile, a circa 15 anni. Scrivevo e componevo, prendendo ispirazione dai grandi rapper del momento, Tupac, Biggie, Wu Tang Clan e tanti altri. I maestri della vecchia scuola, insomma. Poi Thomas ha deciso di partire e conoscere il mondo mentre io sono rimasto nel mio, più piccolo e con meno cose da esplorare. A quel punto ho conosciuto DJ Paolino e ho iniziato a frequentare il Muretto. Da lì abbiamo dato vita al primo gruppo, i Da Clan, di cui faceva parte anche Fabietto, e che più avanti si sarebbe evoluto in MCK, Milano Criminal Klan.

Ma con l’adolescenza e quell’invincibilità e strafottenza tipiche dei ragazzini arrivano i primi guai. Sai, parti per crearti il tuo posto nel mondo, sei ribelle e allora cominciano le risse, vuoi farti largo tra le persone e finisci inevitabilmente nei guai. Un sacco di cazzate.
Entra ed esce dal carcere più volte per poi rimanerci dentro per 7 lunghi anni. Da lì è cambiato tutto. Sono diventato un’altra persona. Il tempo si stava fermando e sono tornato sui miei passi, riflettendo su tutto quello che era successo. Ho iniziato a leggere, a scrivere, a parlare attraverso i testi. Un processo di maturità incredibile che mi ha portato alla crescita e a sentirmi realizzato. Ora voglio sfruttare tutte le occasioni a disposizione. Carta e penna – dice- mi hanno salvato e mi hanno fatto rimanere vivo.

Il tempo si ferma e mi guarda / sono perso nella danza coi pensieri nel silenzio di una stanza
sulla mia branda disegno i tratti sulla carta / per non abbandonarmi alla notte bastarda – Il tempo mi guarda 

Ora racconta le sue storie, da cui qualcuno può prendere esempio. Il rap potrebbe e dovrebbe dare un messaggio alla gente: si può uscire dalla zona morta e depressa in cui vivi, basta solo credere in te stesso.
Il 1° febbraio è uscito il primo singolo con un videoclip sul suo canale YouTube e sarà seguito da altre 9 video-storie, dei cortometraggi che comporranno una raccolta, un concept album, che sarà successivamente disponibile in un DVD, perché i dischi non si vendono più e un video è spendibile su più piattaforme. E Cisky è pronto a trasformare le video-storie in un testo per il teatro, altra sua grande passione, da portare sul palcoscenico.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*